Alberto Burri, una processione verso l’assoluto

Le celebrazioni del centenario della nascita del grande artista italiano si concludono con un’esposizione nella natale Città di Castello
Alberto Burri, una processione verso l’assoluto

Dal terremoto pittorico e materico (che fu poi intervento reale poiché incarnato nel Grande cretto siciliano di Gibellina, dopo il 1968) all’alba degli Anni 50, fino al rigore scientifico e modulare, stratificato quanto gelido, degli ultimi giganteschi cicli pittorici permanentemente ospitati (per suo esplicito e intoccabile volere) negli Ex Seccatoi Tabacco dell’umbra città natale. Si […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.