Alberi tagliati e pezzi di vetro: la memoria di Utoya è ancora viva

Il 22 luglio 2011 Anders Breivik piazza una bomba a Oslo e poi uccide 69 studenti in un campus. Sul palco tre coppie, lambite dalla strage, e un’atmosfera da Notte dei Cristalli
Alberi tagliati e pezzi di vetro: la memoria  di Utoya è ancora viva

L’uomo che cammina sui pezzi di vetro si chiama Gunnar; è norvegese, fa il professore e ha due passioni: il socialismo e le studentesse. Battibecca con la moglie Malin sull’acquisto di un gatto e sull’opportunità di aver mandato la figlia, un po’ frivola, in vacanza educativa: il campeggio dei giovani laburisti che, come ogni anno, […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.