Al povero Frank Underwood manca un po’ di Don Matteo

Il Frank Underwood di Kevin Spacey sta scoprendo che il potere logora anche chi ce l’ha; nella quarta stagione di House of cards (venerdì notte, Sky Atlantic) parla più di rado rivolto alla telecamera, meno shakespeariano e anche meno andreottiano della prima ora; forse perché ha gatte da pelare anche in casa, che nel suo […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.