“Aiutato da una rete di complici come i mafiosi”

“Aiutato da una rete di complici come i mafiosi”

Come è possibile che Salah sia stato arrestato proprio a Molenbeek, a due passi dal centro di Bruxelles dopo mesi di fuga? “Evidentemente c’è un network, un’organizzazione che lo ha aiutato, un po’ come capita con i mafiosi latitanti”. A parlare è Annalisa Gadaleta, donna barese di 44 anni che vive in Belgio dal 1994 […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.