Ahmed al-Dabbashi e quella sporca (mezza) dozzina

Chi sono i sei peggiori trafficanti, quattro libici e due eritrei, che gestiscono i flussi di migranti da Sahara e Corno d’Africa
Ahmed al-Dabbashi e quella sporca (mezza) dozzina

Da semplici “facilitatori” a criminali senza pelo sullo stomaco. I trafficanti di esseri umani tra il deserto del Sahara e le sponde del Mediterraneo hanno cambiato pelle, trasformando un canale di immigrazione in un business macchiato di sangue. Nel passaggio dal periodo pre-rivoluzionario del 2011 ai giorni nostri, la situazione è nettamente cambiata in Libia […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.