Addio Elie Wiesel, memoria dell’Olocausto

Il Premio Nobel per la Pace “messaggero dell’umanità” è morto a 87 anni
Addio Elie Wiesel, memoria dell’Olocausto

È morto Elie Wiesel. Aveva 87 anni. No, è sbagliato: aveva i 5.776 anni della memoria ebraica, della sofferenza dei popoli, del mai dimenticare. Nel 1986 gli avevano assegnato il Nobel per la Pace. Ricordare non voleva dire vendetta. Voleva dire, così un giorno mi spiegò ad Auschwitz, durante il cinquantesimo anniversario della liberazione del […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.