A Londongrad il gatto russo gioca col topo inglese

Spie e veleni - Una giornata nella residenza di Londra dove l’ambasciatore Yakovenko sorride sornione: “Vogliamo la verità”
A Londongrad il gatto russo gioca col topo inglese

Il villino sembra la magione di campagna di una grande famiglia decaduta, con i suoi infissi sbrecciati, la terrazza spoglia, la torretta annerita dallo smog. Ma a decorare il cancello d’ingresso c’è un’aquila bicipite, al centro san Giorgio contro il drago. Stemma dell’impero russo recuperato dopo il 1992, oggi simbolo del nazionalismo di Putin. Siamo […]

Per continuare a leggere questo articolo entra ne Il Fatto Social Club
Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.