A Livatino dobbiamo ancora molto

Il 21 settembre 1990 veniva eseguito con ferocia l’omicidio del giudice Rosario Livatino, in contrada san Benedetto di Favara, lungo la strada statale n. 640 da Canicattì per Agrigento, una Fiat Uno, con due sicari a bordo, affiancava e superava la Fiesta sulla quale viaggiava il giudice non ancora 38enne, costringendolo a fermarsi, mentre sopraggiungeva […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.