A letto con il morto: la notte triste dell’Avana

Sul lungomare della Capitale la musica si smorza, spiazzati anche i giovani disillusi dalla politica
A letto con il morto: la notte triste dell’Avana

Hasta siempre comandante. È quasi mezzanotte di venerdì quando le trasmissioni in televisione si interrompono e il conduttore “storico” dei telegiornali annuncia una comunicazione speciale. Semiaddormentati dopo il film della notte, appesantiti da qualche birra, i cubani ancora svegli temono che accada quello che molte volte si sono rifiutati di credere: l’addio al comandante Fidel. […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.