“A Catanzaro come a Leicester, è sempre capitan Claudio”

Massimo Palanca - “Come il Verona di Bagnoli? Di più, credo. Allora c’era solo la Fiat, lui ha battuto gli sceicchi”
“A Catanzaro come a Leicester, è sempre capitan Claudio”

Massimo Palanca, sovrano di Catanzaro, già proclamato “imperatore della curva” per oggettivi meriti sul campo, ha una verità che resiste al tempo, ai 180 gol in carriera e alle fotografie in bianco e nero in cui Claudio Ranieri, nuovo Re d’Inghilterra, nascondeva nell’abbraccio i 169 centimetri di “Massimino” fino a farlo quasi scomparire. Storia di […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.