A Beirut si gioca alla democrazia

Oggi il voto per eleggere il parlamento con un nuovo sistema proporzionale: il partito armato Hezbollah è sicuro di ottenere le preferenze per mantenere il suo Stato nello Stato
A Beirut si gioca alla democrazia

Dopo 9 anni i libanesi si recano alle urne per eleggere il parlamento secondo una nuova legge proporzionale, perciò i sondaggi sono ancora più inaffidabili del solito. Ma è già chiaro che Hezbollah – il partito armato sciita, longa manus dell’Iran sul Mediterraneo – otterrà abbastanza voti per continuare a mantenere lo Stato nello Stato […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.