3 domande a Carlo Freccero

3 domande a Carlo Freccero

La foto di Omran, impiegata nel tempo da fronti e finalità divergenti, solleva il quesito generale sul ruolo delle immagini dei minori negli scenari di violenza. “Serve un ‘dubbio metodico’, prima di ogni guerra c’è la propaganda, e i piccoli ne sono il dispositivo più potente”, ricorda Freccero. Perché? Creano empatia, la violenza sui bambini […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.