1989, quando la Francia andò a fuoco per il velo

Nel bicentenario della Rivoluzione, tre ragazze a lezione col volto coperto vengono sospese dal collegio di Creil. È l’inizio di un autunno caldissimo
1989, quando la Francia andò a fuoco per il velo

Nel Grand Palais di Juan-les-Pins ci sono sia ebrei che musulmani. Gli uni e gli altri convivono senza problemi. Alcune donne di fede islamica adottano il velo, altre no. Nessuno ci presta caso. Al primo piano, il venerdì, di solito un inquilino di origini magrebine tiene la radio (spesso ad alto volume) sincronizzata sul canale […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.