1978-2018: a Trieste per dire matto si dice ancora uomo

Quarant’anni fa la 180, nata nelle stanze dell’Ospedale San Giovanni che fu il primo manicomio del mondo a venire chiuso: l’inizio di una rivoluzione andata ben oltre la psichiatria
1978-2018: a Trieste per dire matto si dice ancora uomo

Simbolo di libertà. Sì, proprio un manicomio, luogo di sofferenza e costrizione. Non poteva succedere che a Trieste, dove si dice ‘matto’ per dire uomo. Ci sono ancora le inferriate alle finestre del San Giovanni. Quei 40 padiglioni costruiti nel 1908 dagli austriaci per ospitare i malati psichiatrici divisi in reparti: agitati, tranquilli, sudici. Se […]

Per continuare a leggere questo articolo entra ne Il Fatto Social Club
Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.