1946: l’Italia in macerie, tra fame e speranza, diventa una Repubblica

1946: l’Italia in macerie, tra fame e speranza, diventa una Repubblica

“Oggi la benzina è rincarata, è l’estate del ‘46, un litro vale un chilo d’insalata. Ma chi ci rinuncia? A piedi chi va? L’auto, che comodità! Sulla Topolino amaranto dài siedimi accanto che adesso si va. Se le lascio sciolta un po’ la briglia, mi sembra un’Aprilia e rivali non ha. E stringe i denti […]

Per continuare a leggere questo articolo entra ne Il Fatto Social Club
Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.