1.700 metri di terrore e un check-point fantasma

La strage - Il posto di controllo da dove è passato il Tir era stato tolto per far defluire la folla. La corsa a zig-zag per fare più vittime, inseguito da agenti e da due civili “eroi”
1.700 metri di terrore e un check-point fantasma

Riaprono la Promenade des Anglais: sono le 8 di una sera triste e silenziosa, il cielo è terso, il mare di un blu profondo. Il mistral ha smesso di tormentare Nizza. Gli ombrelloni sono chiusi come d’inverno. La spiaggia è deserta. Il gelo è nei cuori. La gente di Nizza accorre. Chi porta fiori. Chi […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.