Guerra Russia-Ucraina, la diretta – I russi attaccano la centrale nucleare di Zaporizhzhia. Allarme per incendio, poi Kiev: “Ora è in sicurezza”. Intesa sui corridoi umanitari

Battaglia sotto i reattori nel tentativo di prendere il controllo dell'impianto. L'Agenzia per l'energia atomica: "Radioattività nella norma". Concordato un terzo round di colloqui: Kiev delusa, per Mosca “progressi”. Proseguono i raid: Kherson in mano ai russi, a Chernihiv "33 civili morti"

Aggiornato: 03:25

I fatti più importanti

  • 14:12

    Delegato ucraino: “Obiettivo minimo sono i corridoi umanitari”

    “Il programma minimo sono i corridoi umanitari. Il resto si vedrà, a seconda delle circostanze”. Lo ha scritto su Facebook David Arakhamia, parlamentare ucraino membro della delegazione di Kiev ai colloqui con la Russia

  • 14:04

    Cremlino: “Completeremo gli obiettivi militari in ogni caso”

    Gli obiettivi delle operazioni militari in Ucraina saranno completati “in ogni caso”. Lo ha detto il presidente russo Vladimir Putin all’omologo francese Emmanuel Macron, secondo quanto riferisce l’agenzia statale di Mosca Ria Novosti.

  • 14:02

    Intelligence Usa: “Russi pronti a sbarcare a Odessa”

    Le forze russe si stanno dirigendo verso Odessa, la quarta città dell’Ucraina, porto sul mar Nero vicino al confine occidentale, e si preparano allo sbarco. Secondo fonti dell’intelligence Usa citate dalla tv spagnola Rtve, in Crimea ci sono già diverse navi in attesa dell’arrivo delle truppe di terra per lanciare l’attacco dal mare. Le autorità di Odessa – secondo le stesse fonti – hanno chiesto ai cittadini di recarsi in un rifugio per il rischio imminente di un attacco.

  • 13:42

    Ue firma memorandum: 1,2 milioni all’Ucraina

     

     

    La Commissione europea ha firmato il memorandum d’intesa sul pacchetto da 1,2 miliardi di euro per l’assistenza macrofinanziaria all’Ucraina. Lo annuncia il vicepresidente Valdis Dombrovskis. “Questo pacchetto darà supporto al governo ucraino, aiutando a finanziare le necessità degli ucraini mentre combattono eroicamente contro la barbara aggressione della Russia”, evidenzia. Lo stesso Dombrovskis nella serata di ieri aveva spiegato che la prima tranche da 600 milioni di euro dovrebbe essere versata entro la metà di marzo, mentre la seconda dovrebbe seguire a distanza di tre mesi.

  • 13:26

    Corridoi umanitari al centro dei colloqui

    Al centro dei negoziati con la Russia che stanno per iniziare a Brest ci sarà la quesione dei corridoi umanitari. Lo hanno detto membri della delegazione ucraina citati dalla Tass.

  • 13:09

    L’Ungheria non fornirà la protezione ai profughi

    L’Ungheria non fornirà protezione ai profughi che fuggono dall’Ucraina. Lo ha chiarito il capo di stato maggiore del primo ministro ungherese Victor Orban, Gergely Gulyas, dicendo che il Paese è contrario alla proposta della Commissione europea di fornire protezione temporanea a coloro che fuggono dall’Ucraina, ovvero un permesso di soggiorno, l’accesso al lavoro e all’assistenza sociale. Ci sono leggi chiare in materia di asilo in Ungheria e a tutti verrà concesso lo status di rifugiati, ha aggiunto.

  • 13:07

    Delegazione ucraina in viaggio verso i colloqui

    La delegazione ucraina è in viaggio in elicottero verso Brest dove si svolgeranno i colloqui con la Russia. Lo afferma un membro della delegazione di Kiev. Il secondo round dei negoziati era previsto per le 13 ma, secondo quanto riporta la Tass, è slittato di un paio d’ore.

  • 13:06

    Stallo Ue sulla protezione ai rifugiati. Visegrad: “Valga solo per gli ucraini”

    Intesa in standby al Consiglio Affari interni dell’Unione europea sulla direttiva per la protezione temporanea da attivare per la guerra in Ucraina. Il gruppo degli Stati di Visegrad e l’Austria hanno infatti espresso riserve sulla concessione della protezione temporanea a profughi che non siano cittadini ucraini. “A parte Polonia, Slovacchia e Ungheria, molti Paesi sono preoccupati per questo, inclusa l’Austria: non ha senso includere i cittadini di Paesi terzi”, ha affermato il ministro dell’Interno austriaco Gerhard Karner a margine del summit.

  • 13:03

    L’Agenzia per l’energia atomica: “Stop ad azioni contro siti nucleari”

    Una risoluzione dell’Agenzia internazionale per l’energia atomica (Aiea) sollecita la Russia a “mettere fine alle azioni” contro i siti nucleari in Ucraina. Il direttore generale dell’Aiea Rafael Mariano Grossi mette in evidenza “la continua preoccupazione per qualsiasi azione militare o di altro tipo che potrebbe minacciare la sicurezza delle quattro centrali nucleari in funzione dell’Ucraina (che producono metà dell’energia ucraina) e degli altri impianti nucleari, compresa la centrale di Chernobyl. La sicurezza degli impianti nucleari, del materiale nucleare e di altro materiale radioattivo in Ucraina”, osserva Grossi, “non deve in nessun caso essere messa in pericolo. L’azione migliore per garantire la sicurezza degli impianti nucleari dell’Ucraina e della sua popolazione sarebbe che questo conflitto armato finisse ora”. 

  • 12:57

    Putin riunisce il Consiglio di sicurezza nazionale

     

     

    Il presidente russo Vladimir Putin riunisce oggi il Consiglio di sicurezza nazionale, durante il quale dovrebbe parlare anche delle perdite subite nell’operazione militare in corso. Lo ha reso noto il portavoce del Cremlino Dmitry Peskov, riferendo anche che Putin ha in programma una serie di telefonate con leader internazionali: già avvenuta quella con il presidente francese Emmanuel Macron.

Gentile utente ti informiamo che gli articoli 4 e 6 delle “Condizioni di Utilizzo dei Servizi offerti tramite registrazione ai Lettori” relativi, in particolare, all’accesso ai contenuti e alle notizie pubblicate sul sito sono state modificati.

Ti invitiamo quindi a prendere visione della nuova versione delle “Condizioni di Utilizzo dei Servizi offerti tramite registrazione ai Lettori”, cliccando qui