nonc'èdiche

L’esodo delle odalische turche e i tormenti del banchiere impotente

25 Settembre 2022

Dalle novelle apocrife di Carlo Salsa. Il banchiere Nullo Orefice non se ne capacitava: benché Bea, sua moglie, fosse bellissima e squisita, con quegli occhi da andalusa e quel corpo da cinematografo; e lui l’avesse sposata innamoratissimo; dopo soli 3 anni il loro rapporto si era incagliato nelle secche dell’impotenza. Eppure lei era sempre bellissima […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 15,99€ / mese

Ti potrebbero interessare

I commenti a questo articolo sono attualmente chiusi.