Vite da salvare

Stress post guerra, un programma psichedelico per le soldatesse Usa

Suicidi sventati - Per dimenticare l'orrore, stupri compresi, molte di loro varcano il confine e a Tijuana entrano in un progetto che somministra psilocibina, una triptammina capace di resettare il sistema nervoso centrale. Dal 2017 sono stati trattati 600 soldati (uomini e donne) delle forze speciali

Di Michela A.G. Iaccarino
5 Luglio 2022

Oltre confine, a Tijuana. Le veterane americane vanno a dimenticare l’orrore della guerra – stupri subiti dai loro stessi commilitoni, rabbia, disperazione e peso delle loro divise – fino a laggiù, in Messico. Cefalee, rabbia, incubi. Pensieri suicidi. Soprattutto Ptsd, stress post-traumatico, avvolgono le vite delle soldatesse statunitensi che hanno fatto ritorno in patria. Dopo […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 9,99€ per il primo mese
Dopo 15,99€ / mese

Ti potrebbero interessare

I commenti a questo articolo sono attualmente chiusi.