Il “cold case”

Torino, la ’ndrangheta uccise dopo 40 anni. Uomo fuggito nel ’64 freddato per vendetta

Di Davide Milosa e Lucio Musolino
3 Luglio 2022

Un colpo in testa mentre era su una panchina con la seconda moglie a San Mauro Torinese. Era l’11 luglio del 2004, così veniva freddato il 77enne Giuseppe Gioffrè originario di Sant’Eufemia d’Aspromonte. Ieri, a 18 anni da quel fatto, la Direzione distrettuale antimafia di Torino ha eseguito due ordinanze nei confronti di presunti esecutori: […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 9,99€ per il primo mese
Dopo 15,99€ / mese

Ti potrebbero interessare

I commenti a questo articolo sono attualmente chiusi.

Gentile utente ti informiamo che gli articoli 4 e 6 delle “Condizioni di Utilizzo dei Servizi offerti tramite registrazione ai Lettori” relativi, in particolare, all’accesso ai contenuti e alle notizie pubblicate sul sito sono state modificati.

Ti invitiamo quindi a prendere visione della nuova versione delle “Condizioni di Utilizzo dei Servizi offerti tramite registrazione ai Lettori”, cliccando qui