L’intervento

La pace è un imperativo: lo impone la Costituzione

Il giurista della Sapienza - Nessuna legittimazione. Non si può richiamare la Carta per legittimare il coinvolgimento nel conflitto armato tra Russia e Ucraina

Di Gaetano Azzariti
30 Giugno 2022

È necessario tornare alle ragioni del diritto se si è convinti che non esista una giusta guerra, semmai può essere riconosciuto soltanto un giusto diritto. Quello espresso nella nostra Costituzione, ma anche quello dell’ordinamento internazionale scritto a seguito della sciagurata esperienza dei totalitarismi, della tragedia dell’olocausto, della catastrofe della guerra mondale, dell’utilizzazione di due bombe […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 9,99€ per il primo mese
Dopo 15,99€ / mese

Ti potrebbero interessare

I commenti a questo articolo sono attualmente chiusi.