Vietare le telecamere non è “garantismo”: è aiuto ai clan

Di Alessandro Gaeta*
24 Giugno 2022

Nel giro di pochi giorni due diversi tribunali calabresi impegnati in processi alla ’ndrangheta hanno deciso che esiste un limite a chi lavora con le immagini televisive. Decisioni che non tengono conto dell’interesse sociale sollevato dai processi di mafia. Questa censura trae origine dal processo “Rinascita Scott”, considerato il parallelo del celebre Maxi di Palermo. […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 9,99€ per il primo mese
Dopo 15,99€ / mese

Ti potrebbero interessare

I commenti a questo articolo sono attualmente chiusi.