Il romanzo

Un’altra donna, tutte le donne: viaggio al cuore della violenza (e della colpa)

Silenzi e denunce - La scrittrice coreana Kang Hwa-gil ci consegna una storia di abusi e di sottomissione e bisogno di attenzioni a qualunque costo. E il racconto della protagonista diventa universale

Di Angelo Molica Franco
30 Maggio 2022

Di fronte al consolato giapponese di Busan in Corea del Sud, si trova una statua in bronzo che raffigura una bambina coreana seduta, le mani in grembo e lo sguardo fisso, con accanto una sedia vuota. Tutte le donne coreane, ma anche gli uomini, sanno bene cosa rappresenta: è una wei an fu, una donna […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 9,99€ per il primo mese
Dopo 15,99€ / mese

Ti potrebbero interessare

I commenti a questo articolo sono attualmente chiusi.