Antonio Delfini

“Fumo ancora. Non faccio l’amore. Come del resto, non l’ho mai fatto”

Un “dimenticato” di genio - Dice di lui Pasolini: “Scrittore aggraziato, cui mai grazia costò sacrifici così grandi”

Di Francesco Ferasin
22 Maggio 2022

Alla processione del Corpus Domini, tra un “culo tondo” e “due gambotte cubo-futuriste”, “c’era un giovane prete che cantava a perdifiato”. Se la burla fosse poesia, porterebbe la firma di Antonio Delfini (1907-1963). Scrittore e poeta modenese colpevolmente dimenticato, si aggira attorno all’orbita di Mario Soldati e Alberto Moravia senza mai sedersi nel pantheon dei […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 9,99€ per il primo mese
Dopo 15,99€ / mese

Ti potrebbero interessare

I commenti a questo articolo sono attualmente chiusi.