Il dibattito

Monumenti non alle donne, ma pensati dalle donne: così si cambia la Storia

Corsi e ricorsi - Stalin, Roosvelt, Saddam: in particolari epoche, le statue crollano. E la questione ritorna: è giusto abbatterle? E ancora, a cosa sta portando il movimento femminista che chiede di dedicare alle protagoniste femminili più e nuove opere? La storica dell’arte Lisa Parola s'interroga sulla necessità di cambiare punto di vista

Di Lisa Parola
16 Aprile 2022

Lisa Parola è storica dell’arte: ha curato progetti di arte pubblica, mostre, campagne fotografiche, workshop e conferenze promuovendo la relazione tra arte, territorio e cittadinanza. È da poco in libreria con “Giù i monumenti? Una questione aperta”, un saggio in cui affronta il tema delle statue abbattute, e più in generale della loro attuale funzione. […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 9,99€ per il primo mese
Dopo 15,99€ / mese

Ti potrebbero interessare

I commenti a questo articolo sono attualmente chiusi.

Gentile utente ti informiamo che gli articoli 4 e 6 delle “Condizioni di Utilizzo dei Servizi offerti tramite registrazione ai Lettori” relativi, in particolare, all’accesso ai contenuti e alle notizie pubblicate sul sito sono state modificati.

Ti invitiamo quindi a prendere visione della nuova versione delle “Condizioni di Utilizzo dei Servizi offerti tramite registrazione ai Lettori”, cliccando qui