Tra Cgil e voto

Meloni e l’ipotecapara-fascista

Furbesche ambiguità. L’assalto alla sede sindacale è un “avvertimento” alla leader di Fratelli d’Italia per le future elezioni politiche. È lei a dover abiurare chiaramente ogni contiguità

20 Ottobre 2021

La reazione antifascista alla devastazione della Cgil, l’adesione corale alla manifestazione sindacale di piazza San Giovanni, lo sdegno per le frasi demenziali di Michetti, il livore per le furbesche ambiguità di Salvini e Meloni, hanno certamente contribuito a rendere netta la vittoria elettorale della sinistra. Gli elettori hanno capito che non occorre aspettare situazioni estreme […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Ti potrebbero interessare

Gentile lettore, la pubblicazione dei commenti è sospesa dalle 20 alle 9, i commenti per ogni articolo saranno chiusi dopo 72 ore, il massimo di caratteri consentito per ogni messaggio è di 1.500 e ogni utente può postare al massimo 150 commenti alla settimana. Abbiamo deciso di impostare questi limiti per migliorare la qualità del dibattito. È necessario attenersi Termini e Condizioni di utilizzo del sito (in particolare punti 3 e 5): evitare gli insulti, le accuse senza fondamento e mantenersi in tema con la discussione. I commenti saranno pubblicati dopo essere stati letti e approvati, ad eccezione di quelli pubblicati dagli utenti in white list (vedere il punto 3 della nostra policy). Infine non è consentito accedere al servizio tramite account multipli. Vi preghiamo di segnalare eventuali problemi tecnici al nostro supporto tecnico La Redazione