“Se perdi muori”. È il refrain di tanti giochi da bambini, lo spazio infinito dell’età sospesa in cui la morte è evocata come una possibilità sempre presente, mai reale. La nuova serie di Netflix, Squid Game, parte da qui, da un gioco infantile, tradizionale fra i bambini sudcoreani e lo spinge fino agli estremi di […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

L’esame del pupillo di Galli Al telefono, col prof vicino

prev
Articolo Successivo

Borghesi, fascisti, maschi: i massacratori del Circeo

next