“Sta a Riga. Ti ha lasciato col rimorso di averlo ucciso”. Così parlò Don Aniello (Nello Mascia), e Genny Savastano (Salvatore Esposito), con poca gratitudine, ne farà tesoro. All’inizio del secondo episodio è sua la mano sulla nuca di Ciro Di Marzio (Marco D’Amore), che ricambia senza entusiasmo, gli occhi rossi, lo sguardo no future: […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

Mike Nelson, lì dove architettura e natura trovano nuova armonia

prev
Articolo Successivo

Con la pandemia ospedali migliori

next