E dulcis in fundo ci sono le notifiche. Anche su queste è intervenuta la riforma Cartabia. Il testo votato a settembre dal Senato ha infatti fissato dei paletti più stringenti per quanto riguarda le comunicazioni che devono essere fatte agli imputati per dar loro la consapevolezza di essere coinvolti in un processo. I risultati di […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

Mariti m5s, vergogna: votate bene o state zitti

prev
Articolo Successivo

Trasparenza zero: così Londra bloccò “Il Fatto”

next