Ai primordi della Rivoluzione industriale il giusto salario era costituito dal cestino di alimenti necessari a far sostenere all’operaio 16 ore di lavoro al giorno. Solo un secolo dopo (da Henry Ford in poi) si comprese che, rendendo i lavoratori protagonisti di acquisti e consumi di beni non solo di prima necessità, la loro paga […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 10,99€ / mese*
*fino al 30 Settembre 2021

Articolo Precedente

Matrimoni per dittatori, malattie per criceti e apparecchi per l’udito

prev
Articolo Successivo

Lavoro 2.0 Altro che salario minimo, sembra lo Spotify dello sfruttamento

next