Il Partito laburista norvegese è tornato al potere. A conteggio non ancora definitivo, avrebbe ottenuto 48 seggi sui 169 del Parlamento di Oslo, al termine di una campagna elettorale dominata, dopo otto anni di governo di destra, dalla pressione delle disuguaglianze economiche e sociali e dall’urgenza della conversione dell’economia nazionale, oggi dominata dallo sfruttamento di […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 10,99€ / mese*
*fino al 30 Settembre 2021

Articolo Precedente

“Dopo gli Usa sarà la Cina il nuovo padrone del Paese”

prev
Articolo Successivo

La Liguria incensa la “sua” fiction, ma si gira in Croazia

next