Per fermare l’emorragia di voti e riprendere in mano il partito, Matteo Salvini non potrà far altro che “riaccendere il solito motore”, quello “dell’immigrazione e della sicurezza”. Così, secondo il politologo dell’Università di Bologna Piero Ignazi, il leader del Carroccio uscirà dall’angolo a cui lo sta costringendo il cosiddetto “fronte del Nord”, la fronda interna […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 10,99€ / mese*
*fino al 30 Settembre 2021

Articolo Precedente

Ora il “povero” Bernardo viene mollato pure dalla destra

prev
Articolo Successivo

L’aspirante sindaco Calenda campione d’assenze in Europa

next