Il nucleare era un ballon d’essai e come ognuno dei palloni che il ministro Roberto Cingolani manda in aria è il gas che lo gonfia. Evaporata a seguito dell’incontro di ieri coi grillini – come d’ordinanza franco e cordiale, addirittura proficuo – la frescaccia dell’atomo di nuova generazione, resta appunto il gas. L’uomo nuovo del […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 10,99€ / mese*
*fino al 30 Settembre 2021

Articolo Precedente

Conte a Cingolani: “Niente nucleare, coordinati con noi”

prev
Articolo Successivo

Altro che il “green”: dietro la stangata c’è il boom dei fossili

next