Eugenio Montale

“Sono poeta mio malgrado: un uomo arreso ai fatti”

Il Nobel moriva 40 anni fa: una rivista lo celebra con documenti inediti, come una conferenza del 1947, il carteggio con Ojetti e una lettera di Svevo

2 Settembre 2021

Quarant’anni fa, poco dopo le 21 di sabato 12 settembre 1981, Eugenio Montale moriva in una camera dell’ospedale San Pio X di Milano. Poco prima, al medico Massimo Sher, il poeta ligure (era nato a Genova nel 1896) disse di volere acqua perché aveva la “gola arsa”. Il dottore avrebbe ricordato: “Mi è parso molto […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Ti potrebbero interessare

I commenti a questo articolo sono attualmente chiusi.