Dalle novelle apocrife di Charles Didier. A Rouen, la città dai cento campanili, viveva Jean Luc Blanchard, un funzionario municipale che, raggiungendo a stento il metro e quaranta, tutti soprannominavano Pipino. La moglie era una bellezza, negli occhi una fiamma da dominatrice che bruciava all’intorno per un raggio di 200 aune: una settimana dopo il […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

Salivari a scuola: la Francia li ordina e noi li bocciamo

prev
Articolo Successivo

Biden si è chiuso da solo in una trappola inedita

next