La rabbia del movimento Agende Rosse e di chi ne ha sposato l’opposizione alla riforma Cartabia non si placa nemmeno alle notizie dell’accordo in Cdm che sposta più in là i paletti dell’improcedibilità per i reati di mafia. “Resta una porcheria, si differenziano solo le previsioni”, commenta l’avvocato Fabio Repici (nella foto), difensore di numerose […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

Appelli improcedibili, mafia e “priorità”: i tre no del Csm

prev
Articolo Successivo

G20, i grandi sono accolti da addetti pagati cinque euro l’ora

next