Giovedì 15 luglio, a Verona, l’Aida è andata in scena in forma ridotta, con solo un pianoforte ad accompagnare lo spettacolo: l’80% dei lavoratori della Fondazione Arena aderiva a uno sciopero che per la prima volta vedeva unite tutte le sigle sindacali. Tra i motivi alla base della mobilitazione, la paura che il festival estivo, […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

“Cambiamo le regole, Roma è l’esempio di cosa non fare”

prev
Articolo Successivo

Proposte per non far pagare la “carbon tax” ai più poveri

next