“Un buon servizio sanitario, accessibile a tutti: non bisogna perdere questo bene prezioso”. È il passaggio chiave dell’Angelus che Papa Francesco, l’11 luglio scorso, ha recitato dalla finestra del Policlinico Gemelli di Roma, dove era ricoverato per un intervento all’intestino. Un messaggio chiaro, quello di Jorge Bergoglio, interpretato dalle autorità ecclesiastiche come un monito: gli […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

Feste, nastrini, tour: la Regione spende anche con il Covid

prev
Articolo Successivo

Ior, i giudici: “Così sono stati dissipati 31 milioni di euro”

next