“Non voglio mancare di rispetto, ma ci sono motivi per cui io non sono tranquillo, visto che sono state depositate da me già tre denunce”. Di più: “Ho ricevuto minacce e intimidazioni, epistolari, telefoniche e anche fisiche”. Il colpo di scena si materializza dopo un’ora di interrogatorio in aula durante il processo sul caso della […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

Lega, i 49 mln: che fine ha fatto il bottino

prev
Articolo Successivo

È arrivato il conto degli Europei. Casi quintuplicati solo a Roma

next