Se ne parla a settembre. La legge Zan è ufficialmente su un binario morto: ieri sono intervenuti 35 senatori, nella continuazione della maratona voluta dal centrodestra. Sono stati presentati oltre mille emendamenti. Proposte che chiedono per lo più la modifica degli articoli 1, 4 e 7: libertà di espressione, salva idea e gender nelle scuole. […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 10,99€ / mese*
*fino al 30 Settembre 2021

Articolo Precedente

“Sul Green, Draghi è la restaurazione”

prev
Articolo Successivo

Cantieri, rischi di mani libere sugli appalti e addio alle gare

next