Con l’età, il celebre Ruggero Ruggeri cominciò ad avere vuoti di memoria. In una scena dove entrava con una rosa in mano, doveva annusarla e dire: “Ah, il dolce profumo della mia amata!” Quando lo fece, tutta la troupe scoppiò a ridere. Si era dimenticato la rosa. LE GAG CINEMATOGRAFICHE GAG SULLA FORMA DEL CONTENUTO […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 10,99€ / mese*
*fino al 30 Settembre 2021

Articolo Precedente

Spd-Cdu: la sfida della ricostruzione

prev
Articolo Successivo

La tratta dei baby calciatori, tra “Fenomeni” e poveri cristi: l’inchiesta del “Fattore umano”, su Rai3

next