Una app di incontri nel rispetto del diritto islamico? È possibile. A lanciare Hamdam, applicazione di dating online – che in lingua farsi significa “compagno” – è proprio l’Organizzazione per la propaganda islamica. Lo riferisce sulla tv di Stato il capo della polizia per la cybersicurezza, colonnello Ali-Mohammad Rajabi, sottolineando che le altre app analoghe, […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

Lui, lei e Lilja Brik L’ultimo Majakovskij e le corna à gogo

prev
Articolo Successivo

Autonomia e Indipendenza: la riforma Cartabia mette a rischio anche i processi di mafia

next