Ci vuole pazienza, buona memoria e un pallottoliere per mettere in fila i guai giudiziari di Matteo Renzi e famiglia senza dimenticare nulla. Iniziamo da Open, il salvadanaio dei renziani, la fondazione che organizzava la Leopolda grazie ai generosi finanziamenti di una trentina di aziende, circa 670.000 euro nel 2012, 700.000 nel 2013, 1,1 milioni […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

La vignetta di Natangelo

prev
Articolo Successivo

Casellati più i due Matteo: ddl Zan sul binario morto

next