Chi piange ora Hakimi Lamine, l’algerino scomparso a 28 anni nel carcere delle torture di Santa Maria Capua Vetere un mese dopo il furioso pestaggio del 6 aprile 2020? Chi chiederà giustizia per questo ragazzo schizofrenico morto da solo nella cella 17 del reparto Danubio? Grazie al Garante dei detenuti campani, Samuele Ciambriello, sappiamo solo […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

Quando Salvini abbracciava i torturatori

prev
Articolo Successivo

La vignetta di Natangelo

next