Mi scuso se torno ancora su una mia convinzione più volte dichiarata. In questa pandemia la statistica non è stata mai centrale. I numeri continuano a gestire la nostra vita, ma sono calcolati o, almeno, percepiti, con errori di fondo. In questi ultimi tempi, i colori regionali, le nostre libertà individuali sono stati regolati dalla […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

La “Delta” cresce, l’Uefa la ignora Tokyo: Olimpiadi senza pubblico

prev
Articolo Successivo

“Il prossimo autunno non sarà drammatico. Adesso posso dirlo”

next