Il raid è iniziato alle 7.30 di ieri a Hong Kong: 500 poliziotti sono entrati nella sede di Apple Daily, il quotidiano di proprietà di Jimmy Lai, il tycoon 73enne che si oppone al governo fantoccio filo-cinese, e hanno sequestrato documenti e computer. L’irruzione, attesa, è stata mandata in streaming sulla pagina Facebook del sito. […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 10,99€ / mese*
*fino al 30 Settembre 2021

Articolo Precedente

“Orbán plasma la cultura e dall’Ungheria si scappa”

prev
Articolo Successivo

Nel ‘Rinascimento’ di MbS si tagliano ancora le teste

next