L’ultima mossa del governo Orbán, che ha appena riformato il sistema universitario per ottenere “il controllo ideologico” della nazione, è la legge contro la “propaganda gay”. Un’iniziativa che non sorprende Attila Chikan, ex ministro dell’Economia e professore emerito di Economia dell’Università di Budapest: “Il premier aveva annunciato già due anni fa che dopo quello politico […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 10,99€ / mese*
*fino al 30 Settembre 2021

Articolo Precedente

“Paga poco i collaboratori” Bufera social su Aranzulla

prev
Articolo Successivo

Tutti sovversivi: retata all’Apple Daily, giornale anti-Pechino

next