Il principe ereditario Mohammed bin Salman ha una bizzarra, per usare un eufemismo, concezione del Rinascimento nonostante la dichiarazione d’amore del senatore Matteo Renzi che a Riyad aveva recentemente profuso elogi a favore di telecamere per la presunta opera di modernizzazione intrapresa dal giovane reggente del regno più ricco del Golfo. Mbs, l’acronimo con cui […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 10,99€ / mese*
*fino al 30 Settembre 2021

Articolo Precedente

Tutti sovversivi: retata all’Apple Daily, giornale anti-Pechino

prev
Articolo Successivo

Il moderato Hemmati spera in un risultato a sorpresa

next