La trionferà, in libreria per Einaudi, non è un romanzo perché non c’è nulla di inventato sebbene sia scritto con lingua e ritmo di un romanzo. Massimo Zamboni passa al setaccio un pezzo di storia del Novecento e distilla poco più di duecento pagine che si bevono come un “rosso, spumeggiante Lambrusco”. Sì, perché siamo […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

“Mare of Easttown”, un giallo mediocre salvato dalla bravura di Kate Winslet e soci

prev
Articolo Successivo

I conti con il passato della commissaria Battaglia: una trama dai toni scespiriani

next