Per un apparente paradosso della politica, il Piano nazionale di ripresa e resilienza inviato dal Governo Draghi alla Commissione Europea dovrebbe sancire la “transizione ecologica” dell’economia italiana. Ma secondo i critici invece mira a ribaltare l’esito del referendum sull’acqua del 12 e 13 giugno 2011. Dieci anni fa furono oltre 26 milioni gli italiani che […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese per il primo anno

Articolo Precedente

Addio Epifani: socialista elegante che guidò il Pd

prev
Articolo Successivo

Il Fatto di domani. Arriva un’altra task force dei Migliori: peccato ce ne siano altre sette uguali. La ragnatela di Amara ha raggiunto l’Ilva

next